sabato 28 gennaio 2023

Piccolo galateo della chat erotica (secondo me)

 Come scritto tra parentesi, si tratta solo della mia opinione non di regole generali di comportamento come il galateo di Monsignor della Casa o come la più recente netiquette. Si tratta di riflessioni che mi riguardano, ma che peccando di superbia, potrebbero venire utili con altre persone. Questo blog è molto più vicino alla maggior età di quanto non voglia pensarci e sebbene non mi sia dedicata ogni singolo minuto della mia vita alla vita erotica virtuale ho fatto le mie esperienze e credo di potermi permettere di condividerle.
Partiamo da cos'è una chat erotica: alla veloce un modo di interagire con qualcun'altro per procurarsi eccitamento sessuale. Di fatto sono fantasie ma hanno un punto particolare: interagisci con qualcun'altro, non sei da solo/a e questo va tenuto ben presente. Quando si partecipa a una chat erotica chi la inizia ha in genere una traccia in testa. È ovvio che la controparte non può saperla, ma legge ciò che viene scritto. Per me è molto importante e lo pretendo a mia volta che quando qualcuno inizia una sua fantasia vengano rispettati gli elementi presentati tipo se si è nudi o vestiti se si dorme o si è svegli e compagnia bella. Ciò dimostra attenzione verso la storia e verso chi la scrive e non di minor importanza dimostra rispetto per la creatività altrui. Nel passato mi è capitato di interagire con uomini che non si curavano affatto di ciò che scrivessi loro, ritrovandomi ad essere usata come una bambolina gonfiabile nella loro fantasia: sei vestita così, sei messa cosà. Non è una chat questa, perchè per me per la mia partecipazione non c'è spazio, questa è la fantasia che qualcun'altro si sta facendo su di me ma non con me. Se qualcuno vuole farsi una fantasia su di me è libero di farsela e anche di farmela leggere, ma che la chiami "la mia fantasia su di te" non "chat erotica": non è che perchè scritta su un messanger è automaticamente una chat. Ve la spiego in un altro modo: la partecipazione nella chat erotica è esattamente come una scopata deve esserci il coinvolgimento attivo ( sì uno può condurre il gioco più dell'altro) di entrambe le parti, altrimenti è a tutti gli effetti come masturbarsi con il corpo di un altro ed è avvilente per chi viene usato.

Contributi video ed audio. Fino ad ora ho trovato solo un chatter che ha saputo valorizzare la chat erotica con contributi audio da farmi venire i brividi di piacere e posso dire che quei contribuiti avevano tutti una cosa in comune: non erano i suoni di orgasmi. So bene che c'è chi apprezza foto di cazzi sgocciolanti, vocali di respiri affannati, et similia, ma a me non piacciono ( ne avevo già fatto un post a tal proposito), non li richiedo il che vuol dire che mi vengono mandati gratuitamente, e non mi piace farli. La controparte chatter spesso è una persona che non incontreremo mai di cui abbiamo costruito una nostra immagine a noi congeniale e perfetta: penso sia da evitare il mandare dettagli non richiesti e di gusto discutibile.

Il corpo altrui. Riallacciandomi a ciò che avete appena letto si parte da una idealizzazione della controparte che costruiamo come più ci aggrada e spesso seguendo standard, tipo se hai i capelli scuri hai i peli scuri. A parte il fatto che potremmo non avere una foto a disposizione della controparte per sapere di che colore (naturale o artificiale) ha i capelli si potrebbe incappare in errori grossolani, tipo "con due dita ti abbasso il prepuzio per godermi il tuo glande", già peccato che la controparte in questione è stato circonciso (per motivi medici o religiosi non ha alcuna importanza) e avete appena scritto una cazzata. Quindi i casi sono due: vi fermate nella narrazione della vostra parte della fantasia e chiedete dettagli (cappella sì cappella no e non dimenticatevi dei piercing) o state generici tipo "affondo le dita tra i peli della tua figa". Purtroppo anche il rimanere generico ha i suoi tranelli tipo passere completamente depilate o in rari casi alopecia (genetica o iatrogena e in questo caso siate molto molto sensibili).

Il vocabolario. un po' come i contributi audio e video anche il vocabolario ha una sua parte fondamentale. Un uso corretto dei termini anatomici aiuta nella descrizione di cosa state facendo. Il termine anatomico non è rozzo è scientifico e per questo può rimanere un po' freddino, ma non è nient'altro che la tela bianca su cui state dipingendo un eccitante quadro. Certo ci sono termini anatomici che fanno ridere come "sfintere" e che tolgono piacere alla penetrazione anale che state descrivendo. Parimenti il termine " buchino": guardate quello che producete nella tazza e poi fatemi sapere come quei cosi possano uscire da un buchino. O peggio "lato B". Ai termini anatomici si possono tranquillamente accompagnare termini comuni: ad esempio "figa" dà un idea del "complesso genitale femminile" velocemente e nella sua totalità con solo 4 lettere senza fare perdere ritmo narrativo (sì ci va anche quello in una chat erotica decente). Poi ci sono termini "no" che però sono legati sia a gusti personali che al momento /taglio narrativo. Porto 2 esempi che mi sono capitati. "Sborrare" e derivati: l'ho scritto ora per obbligo ma è un termine che odio lo trovo volgare oltre ogni immaginazione e riesce a farmi perdere eccitazione ed interesse in qualsiasi momento narrativo. Non ho bisogno di saperlo: l'intento è quello di portare all'estasi entrambi i partner di una chat erotica sia nella fantasia che nella realtà. Preferisco l'uso di "venire": nelle esperienze reali nessun uomo ha mai usato a letto con me uno dei derivati di sb-, ma " vengo" "sto per venire" e "sono venuto".
Il secondo esempio è "salsicciotto" ( A. come vedi ti penso, :* ). Allora salsicciotto a me ispira tenerezza come un cucciolo morbido e goffo. Come posso essere scopata da un salsicciotto allora? Se il taglio narrativo della chat è di tipo "trombata in salumeria" o "gli orgetti del cuore" allora salsicciotto ci stà, è una chat erotico-umoristica a cui si accompagna l'eccitamento con la risata, ma in altri casi è un po' come mettere il formaggio su un piatto di spaghetti allo scoglio. Mentre scrivevo mi è venuto un altro esempio in mente, "farfallina": ma con chi stai scopando con la principessa del regno degli unicorni asessuati sotto l'arcobaleno glitterato? Già che ci sono "patata" e "banana" suonano di " trombiamo dall'orgiolano". 

Come scritto all'inizio queste sono solo mie riflessioni: poi magari si trova una controparte a cui non importa un bel di niente se la/lo interrompete, si fa casino tra nudi e vestiti, e se al posto di un cazzo avete una banana o se vi state scopando un insetto. 

martedì 24 gennaio 2023

Eccitarsi

 Vorrei dire che è colpa dell'età, dell'ingresso in menopausa, ma non è propriamente così: ho sempre avuto difficoltà ad aver una bella Bernarda calda gonfia e bagnata, quell'eccitamento, che anche se non si può vedere attraverso i jeans come per gli uomini, ti fa sentire diversa. Per fin troppo tempo ho dato colpa a sir, che non sapeva come toccarmi accarezzarmi, goffo, distratto, e all'inizio troppo orgoglioso per capire che la realtà è tutt'altra cosa dai porno. Ma forse se non ottengo certi risultati il problema è nella mia testa. La mia fortuna è che nonostante la mia eccitazione sia scarsa, mi diverto ugualmente, ho le mie soddisfazioni ma c'è una grande differenza di qualità tra scopare non eccitate e scopare eccitate: la prima è bella talvolta wow, la seconda è BABOOM!

Ora un problema anatomico fisiologico non ce l'ho, esclusa l'età che avanza, e sir nei club con le altre donne è mister "oh Gott!!" Cosa che mi rende orgogliosa, quindi dov'è il problema? Stress? Un po' : odio il mese di gennaio in generale, senza metterci di mezzo ricordi non sempre piacevoli e paranoie, e la frustrazione sessuale è un circolo vizioso. Una volta i porno avevano effetto, ora li trovo noiosi ripetitivi, prevedibili. Le chat erotiche le amavo per l'effetto che mi davano, ma richiedono tempo e dedizione da entrambe le parti e ringrazio sal profondo del cuore tutti coloro con cui ci siamo toccati nel profondo. Lo scorso fine settimana siamo stati in un club e ne sono uscita delusa. Non mi eccito nemmeno lì: io non vedo semplicemente la gente scopare, vedo le persone come si muovono come mettono a nudo chi sono. Io mi trasformo, tolgo la pelle da agnello e rimango la leonessa che sono, ma non mi eccito. Di leonesse non ne trovo molte, ma un sacco di agnelline sacrificali portate a spasso da lupi tirati su a scatolette, e di leoni, a parte sir, ancora di meno.

So che sono ancora in grado di eccitarmi. Il racconto "the Dubliner"  biografico fino al dialogo sul pullman. Quel collega davvero mi eccitava e non era bello come il sole, era davvero un normale cinquantenne con capelli brizzolato, pancetta e camminata buffa, ma ho scelto di non rischiare una delusione e non l'ho invitato in camera una seconda volta. Questo è successo a novembre. La volta precedente è stato ad agosto. Ho costruito una sex room, un posto dove mi sento a mio agio dove mi piace già solo l'idea di essere amata e scopata. Ci sono andata a dormire, e mi è partita una fantasia semplice, come scopare in un bosco con una persona conosciuta e mi sono bagnata solo per quella fantasia, così semplice quasi adolescenziale. E allora se ne sono in grado perché non mi riesce? Desidero troppo che accada da non riuscire per questo motivo? 

lunedì 19 dicembre 2022

The Dubliner 3/3

 La cena fu meno lunga del previsto: dopo poco Isa mandò un secondo messaggio “ vado in camera, mi raggiungi? Lascio la porta accostata” la risposta fu immediata: “ sono da te tra 5 minuti". Jack sembrava non essere più disperso tra le nuvole ma ben centrato sul pezzo, o forse era centrato sul culo di Isa e sul suo desiderio di averlo sulla sua faccia. La porta si aprì e Jack trovò Isa solo in maglietta ed intimo: intrigante ma pratica. Si sedette sul letto: “ sai non avrei mai pensato di avere un'occasione del genere ad un incontro di lavoro” le disse accarezzandole le cosce. Jack sembrava combattere tra il voler saltarle addosso ed un contenersi da perfetto “english gentleman”. Così girò sull’altro lato del letto e le si sdraiò accanto vestito: c'era qualcosa di adolescenziale in tutto ciò e le piaceva. Iniziò ad accarezzarla vestita: era un eternità che non le accadeva ed era eccitante. Isa seguì lo stesso schema: vestita senza essere diretta. Jack le si mise sopra ed iniziò a baciarla senza foga ma con delicatezza mentre si strusciava su di lei ritmicamente: era così adolescenziale! Aveva un qualcosa di romantico ed intrigante come se fosse la scoperta di qualcosa di nuovo di una prima volta e la cosa fece eccitare Isa  ancora di più quanto già non lo fosse, bagnando decisamente le mutande. Jack approfittò dell'assenza dei pantaloni di Isa per scostarle appena l'intimo e sfiorarle le grandi labbra gonfie e bagnate. Isa sospirò ma le mani di Jack non si fecero più audaci, anzi si spostarono a sollevare la maglietta per baciarle il ventre e salire alle tette. Le sfilò un seno dal reggiseno e cominciò a massaggiarglielo e poi a succhiarle il capezzolo, mentre continuava a strusciarsi su di lei.  


Quella danza erotica necessitava di un salto di qualità: Isa allontanò Jack per potersi togliere la maglietta rimanendo in intimo. Mettendosi in mostra in reggiseno e  culotte di pizzo  si allungò per prendere e mostrare i preservativi.  "Te l'avevo detto che non sono una brava ragazza" disse mentre Jack la guardava con attenzione e meraviglia. "Oh non l'ho messo in dubbio” le disse togliendosi i pantaloni e la camicia “Sai nemmeno io sono un bravo ragazzo" aggiunse  prendendo dai pantaloni la stessa identica cosa che Isa gli stava mostrando. Jack non era affatto un bravo ragazzo: mentre estraeva i suoi preservativi i boxer si spostarono quel tanto da lasciarle intravedere…. "Oh un cockring! Tu davvero non sei un bravo ragazzo!" 

"Te l'avevo detto."

Isa si lasciò baciare, mentre Jack scostato di nuovo l'intimo le accarezzava delicatamente le grandi labbra dall'interno. Il tocco era delicato e scivolava sulle grandi labbra gonfie e bagnate. Isa ansimava e sussultava quando Jack smise di baciarla spostandole nuovamente il reggiseno per giocare con il capezzolo. Era leggero su di lei tanto da permetterle di girarsi quel poco che le bastasse per slacciare il reggiseno e toglierselo: voleva sentire la sua pelle. Jack da perfetto "cattivo ragazzo" non solo aveva un cockring ma era completamente depilato: scapigliato fuori ma ordinato sotto i vestiti. Le prese entrambi i seni baciandoli a turno. Isa lo avvolgeva con le gambe, premendo il più possibile la figa sul suo corpo mentre con le mani faceva una leggera pressione per farlo scendere verso il ventre. Jack questa volta capì e scese lentamente un bacio dopo l’altro verso il ventre e poi più in giù vedendosi costretto ad abbassare un centimetro alla volta quella culotte in pizzo e a togliergliele. La lentezza e l'attenzione meticolosa di Jack facevano impazzire di desiderio Isa: odiava gli uomini frettolosi, le davano sempre l'impressione di essere semplicemente egoisti intenti a perseguire il loro piacere cercando di mantenere una parvenza di interesse per la controparte. Jack no, Jack faceva le cose con calma e lentamente. ci mise un bacio alla volta, morbido sensuale lungo quanto un respiro a scendere dal seno al clitoride. Chi era quel francese che disse “ l’attesa del piacere è essa stessa piacere”? beh aveva assolutamente ragione: mentre Isa aspettava un bacio dopo l'altro che Jack raggiungesse il clitoride il suo piacere , la sua eccitazione, aumentarono. Jack dapprima baciò lentamente e a lungo le grandi labbra di isa, prima l’una poi l’altra. poi le scostò quel tanto che bastasse per scoprire il clitorire decisamente gonfio: lo baciò con la stessa reverenza riservata alle grandi labbra, poi lo strinse tra le labbra e riaprendole gli diede una leccata. Isa in quell’istante inarcò la schiena sospirò a lungo e affondò le mani nel capelli di Jack che erano soffici e ondulati come piacevano a lei. Soffice era anche la lingua di jack sul suo clitoride: quello che arrivava era il brivido non la pressione. Isa avrebbe voluto premergli la faccia sulla figa, avrebbe voluto di più, ma contemporaneamente temeva che una maggior pressione avrebbe rotto quella che sembrava un vero incantesimo sul suo clitoride. Si fece scivolare sotto la sua bocca per rendersi più disponibile e jack colse di nuovo l'invito. Era un susseguirsi di brivido e piacere: jack non lasciò inesplorato dalla sua lingua nemmeno un millimetro quadrato dele grandi labbra e dei corpi cavernosi del clitoride di Isa. Isa avrebbe voluto dare sfogo al suo piacere ma l'albergo in quanto storico era protetto dalle belle arti e per questo le pareti non erano abbastanza insonorizzate. Si mise un cuscino sulla faccia per attenuare gli ansimi ma jack aveva cambiato ritmo adattandosi al suo desiderio crescente e da lì a breve Isa sarebbe venuta. Jack era passato da un ritmo lento a più lento: il piacere di Isa ad ogni colpo di lingua raggiungeva livelli sempre più alti. La maggior parte degli uomini in genere accelerava. Jack no: la sua strategia era diversa e di efficacia superiore: la sua lentezza anziché rompere il piacere di Isa come invece capitava con l'aumentare della velocità lo faceva salire di un gradino alla volta. Isa voleva sia venire che non smettere mai. Arrivò al punto di non ritorno: Jack non cambiò di una virgola quello che stava facendo. Isa esplose: strinse le gambe attorno alla testa di jack come per farlo entrare tutto dentro di lei. Jack ansimava come se stesse venendo pure lui. Poi isa lasciò la presa e jack si staccò dalla sua figa. "Oh ma come sei bella rossa in faccia" le disse amorevolmente accarezzandole la testa. Jack le si sdraiò accanto mentre Isa si godeva la quiete dopo quell'orgasmo devastante. "Dammi un minuto e poi penso a te" disse. "Oh no non c'è n'è bisogno: a me piace far godere le donne, mi appaga di più. E poi ho avuto quello che volevo poter avere il tuo culo tra le mie mani e le mie labbra sulle tue. Seguirono momenti di chiacchiere e risate, poi jack la salutò poiché doveva ancora preparare le sue borse avendo il transfer per l'aeroporto molto presto. L'indomani mattina Isa incontró la sua collega Martina a colazione. Martina non perse tempo e prima ancora che Isa appoggiasse il caffé sul tavolo le chiese "senti dimmi un po' che cosa è successo in camera tua ieri notte?"

sabato 17 dicembre 2022

The Dubliner 2/3

 L'indomani Isa era totalmente indecisa: mollare del tutto il colpo ed ignorarlo o aspettare il momento giusto e spiegargli cosa non avesse capito? Isa decise che era meglio lasciare perdere ed ignorarlo del tutto. Passò la giornata di corso ed arrivò la serata di svago, Isa pensava di dirigere le sue attenzioni su qualcun altro, ma davvero troppa fatica andare in caccia, per poi magari un altro niente di fatto. Nonostante la decisione presa, Isa non riusciva a tenere gli occhi lontani da Jack quando lui non poteva vederla. Se di fronte mostrava una ornamentale pancia da pub, dietro mostrava due spalle che lasciavano pensare ad un passato se non atletico quantomeno sportivo: peccato per quei pantaloni un po' abbondanti che non lasciavano vedere il culo. quelle spalle avevano un qual perché. Anche i capelli ondulati sale e pepe che le piacevano parecchio. Peccato non avesse colto l’invito. A Jack il fatto di essere ignorato da Isa non sfuggì. L'indomani Jack si sedette accanto ad Isa mentre il pullman li portava in visita alla loro filiale di zona, con un ben determinato intento chiederle se per caso l' avesse offesa in qualche modo. Isa dovette decidere in un momento se inventarsi qualcosa 

o spiegare l'accaduto ed eventualmente dover accettare il rischio di riprovarci. Scelse quest'ultima.

"Jack,dimmi, secondo te cosa significa se una donna ti invita e ti lascia entrare nella sua camera d'albergo?" 

"Beh significa che è molto gentile, che si sente sicura con quella persona" 

"emh, no."

"No?"

"No significa che desidera passare la notte con te"

A questa affermazione seguì quel non quantificabile lungo silenzio di imbarazzo rotto da una serie di "oh aw ow" ancor più imbarazzati del silenzio stesso. Poi Jack fece cadere la sua maschera da gentiluomo facendo un passo deciso per riprendere la direzione abbandonata. "Ti interessa ancora passare la notte con me?"  Isa si riservò il diritto di dire prendere tempo: " non lo so, ci devo pensare". E ci pensò fino al giorno dopo, quando decise di stuzzicarlo un po'. Jack era un buontempone che chiacchierava con tutti e tutte, ma con nessuna si era permesso la confidenza di passare un braccio attorno alla vita come aveva fatto con lei fin dall’inizio. Stava chiacchierando con la collega svedese quando Isa gli scrisse un messaggio: "flirti con la collega svedese?" Jack si sentì punzecchiato e decise di abbandonare del tutto le buone maniere "English" ed essere diretto: "preferisco le donne con forme come le tue" e per rimarcare l’interesse aggiunse che erano 3 giorni che pensava al suo culo e che lo avrebbe voluto avere sulla sua faccia. Per Isa quello era un bel complimento. Passò la pausa pranzo ed  Isa finalmente si decise. "fatti una doccia: ti aspetto da me dopo cena" al solo pensiero iniziò a bagnarsi.



giovedì 15 dicembre 2022

The Dubliner 1/3

 "Sbrigati tra poco inizia!" disse Isa ad un perfetto sconosciuto che sicuramente era lì come lei per il corso di formazione. 

"Eh? Scusa? Cosa?" Rispose lo sconosciuto con l'aria di quello caduto dalle nuvole. 

"Sei qui per il corso no? A breve aprono la registrazione, rischi di saltare la colazione."

"Ah ok grazie: prendo un caffè al volo e sono lì".

Jack era un tipo bizzarro: scompigliato dalla testa ai piedi come se fosse venisse sempre scaraventato giù dal letto. Era di Dublino, arrivava dalla nuova filiale appena aperta. Lo scoprí poco dopo durante il giro di presentazione.

"Oh sei irlandese! Non sono mai stata in Irlanda: l'unica cosa che so è che è una terra bellissima bagnata da 3 religioni: due dannatamente pericolose ed una dannatamente bella e si chiama TT. Tempo fa mio marito aveva una moto…"

"Hai hai un marito?"

"Sì ma non è qui."

Jack scoppiò a ridere e non fu l'unica volta. il ghiaccio era rotto. Durante le pause tra una presentazione e l’altra si stava creando complicità e affiatamento. Isa non era in caccia e di fatto non ne aveva intenzione: stava solo buttando esche ambigue che alla mal parata avrebbero portato a momenti innocenti ricchi di risate, sebbene parlare in quel modo leggero e divertente la stesse facendo bagnare. L'innocenza resistette fino a dopo cena. L' albergo dove si svolgeva il corso aveva un bel giardino: Jack le propose di fare due passi, birra alla mano. Cosa c'era di più irlandese di birra, chiacchiere e risate? Mancava il pub, ma il giardino era un valido sostituto. Isa decise di alzare la posta facendosi più vicina quel tanto da sfiorarsi. Jack rispose quel tanto da fare pressione sul corpo di Isa. Cominciò a piovere: dal parco passarono al bar e dalla birra all'acqua. Mentre le gambe sembravano dover condividere lo stesso spazio da tanto che erano vicine, le battute avevano fatto posto a frasi più maliziose. Jack chiese ad Isa a che ora il giorno dopo sarebbe iniziato il corso. Isa decise di giocarsi la carta decisiva: "non sono sicura, ho il programma in camera: se vuoi passi un attimo da me a controllare". Jack accettò e si avviarono alla camera di Isa. Entrati, Jack gironzolò un attimo come i cani quando entrano in un ambiente nuovo, nonostante Isa fosse infastidita da quell'atteggiamento ci passò sopra, prese il programma disse l'orario e lo porse a Jack, incredulo di iniziare così presto. Mentre Jack commentava il fatto, Isa iniziò a spogliarsi: si tolse semplicemente le scarpe, il foulard e la giacca, guardando in modo inequivocabile Jack e aspettando una sua mossa. Jack le restituì il programma e disse: " bene, allora ci vediamo domani alle otto. Buonanotte e grazie" ed uscì dalla porta lasciando Isa completamente spiazzata.



giovedì 10 novembre 2022

"Les amoureux" di Peynet

Sono viva e trombaiola, eh! lo dico solo perchè ì parecchio che non scrivo: di fatto ho avuto un periodo piuttosto impegnativo che purtroppo mi ha raffreddato un po' a letto e completamente congelata qui. Così, giusto per dare un cenno di vita scrivo di una serie di fumetti francesi , "Les amoureux" di Peynet. Io me li ricordo come una serie di cartoni animati romantici e delicati di una coppia di fidanzati adulti ma giovani che ho sempre chiamato "Valentino e Valentina", ignorando se si chiamino così davvero. Poi sono cresciuta ricordandomi di loro di tanto in tanto, fino a che non ho messo mano su una raccolta di vignette edita dalla BUR, scoprendo che sì sono innamoratissimi, romantici fino all'inverosimile facendomi sognare un romanticismo difficile da trovare, ma nella raccolta i due innamorati andavano oltre, senza farsi problemi nel fare quel passo in là per coniugare il sentimento al desiderio sessuale in modo eccitante ma discreto, erotico con classe oserei dire. 
Purtroppo non ho trovato una pagina dedicata a loro, ne tanto meno alle illustrazioni di Peynet, a parte wikipedia. ma se prendete il titolo di questo post e lo mettete nella ricerca di google immagini, li trovate senza fatica.

giovedì 11 agosto 2022

Netflix

 Netflix, è un " posto" meraviglioso, dove puoi attingere idee fantastiche e deliziarti in piccole finzioni ben lontane, per ovvi motivi, dalla cinematografia porno. 
Ho apprezzato "sex education" che parla agli adolescenti in modo leggero ma chiaro di tutto quello che non sanno e che nessuno gli spiega. L'ho anche consigliato a n°1, che è nell'età giusta.
Ho apprezzato "Bonding" che butta un occhio in un mondo molto molto sconosciuto.
Ho apprezzato "sex!fy" che fa luce su quanto siamo indietro sulla libertà sessuale e su quanta ignoranza ci sia ancora.
Ho apprezzato "Goop", famoso per la storia della candela all'odore di vagina, e che invece va a sfiorare problematiche di coppia varie, in modo tale che " non ti senti più solo se le hai anche tu e che sono risolvibili se ti fai aiutare". Anzi lo consiglierei a tutti i signori che non hanno più una vita sessuale con la propria signora o non ha mai funzionato per il verso giusto.
Ho apprezzato " non c'è due senza..." film spagnolo ambientato per una notte in un club del sesso, dove varie dinamiche sentimentali e sessuali si sviluppano si avvinghiano e si risolvono tutte in un lieto fine. Tra, l'altro i film spagnoli che parlano di sessualità a me piacciono sempre perché lo fanno con leggerezza ed allegria senza perdere sincerità e serietà.
E ultimo solo per questioni di tempo  ho apprezzato "come costruire una sex room": una panoramica su vari aspetti di come si vive la sessualità, non solo di coppia e quanto sia importante poter creare un ambiente reale e temporale per godersi l'un l'altro.
Da tutte queste serie, ho imparato qualcosa di nuovo e tratto ispirazione,ma la cosa più importante è che portano la sessualità con problematiche e sfumature varie nella quotidianità. È una bella sfida: se da una parte ci sono persone come me e come voi che passate di qui e leggete, che all'argomento ci pensano e magari vanno avanti nell'approfondirne la conoscenza, c'è anche chi lo rifiuta e rifugge, ma vai a sapere se solo alle apparenze o nel profondo.

martedì 9 agosto 2022

cosa gli metto?

Avete letto bene, non è il classico " cosa mi metto che attanaglia ogni donna degna di esserlo, ma è proprio un " cosa gli metto": cosa gli faccio indossare a Sir quanto andiamo allo Chateau Royal che apparentemente ha preso il posto del Fun and Joy.
Una cosa che non avevo mai considerato quando andavamo al Fun and Joy era il dress code. Per me non ho mai avuto problemi: anche un negozio di intimo qualsiasi ha sempre qualcosa di sexy da proporre per una serata hot, e nel mio cassetto ci sono abbastanza cose carine a tal proposito ma per un uomo, parliamoci chiaro non c'è poi molto. Poichè prima della pandemia alle prenotazioni/ iscrizioni agli eventi se ne occupava Sir, non ho mai fatto caso se ci fosse un dress code per gli uomini, ed ho sempre trovato ridicoli questi abbigliamenti "da macho" venduti nei sexy shop: di fatto in un post disperso nel blog dovrei parlare di "meloni retinati" riferendomi a uomini che fisicamente non assogliano per niente ad Henry Cavill, ma tutt'al più a Denny De Vito che indossano delle magliette in rete stretch. 
Ora lo Chateau Royal richiede un dress code sia per le signore che per i signori.
Come dicevo io sono a posto.
Mi tocca fare shopping per Sir e non sono mai stata messa in una posizione più difficile nell'acquistare abbigliamento per lui.
Senza fare Body shaming nei confronti di Sir devo dire che nemmeno lui assomiglia ad Henry Cavill, ma per mia somma fortuna non assomiglia nemmeno a Denny De Vito!
Nel dress code per gli uomini cosí c'é scritto: "Lack, Leder, Fetisch oder Sexy ."   A parte "oder" che vuol dire "o", il dress code é comprensibile anche da chi non parla tedesco.
Giuro io non so che pesci pigliare.
Ho sempre vestito Sir in modo allegro, perché se non hai un fisico da far sbavare ( e nemmeno io ma me la so giocare) almeno punta sulla simpatia, ma ora potrebbe giocarci contro.
Quindi cosa gli metto?
Posso dire addio ai boxer e maglietta disegno smoking, alla maglietta "don´t stare at my cock" con tanto di gallo. Ha uno slip nero con ghirigori argento e la clip di lato per toglierli alla svelta, roba da spogliarellista, ma li abbiamo presi quanto stavamo ancora in Italia e non so se ci entra ancora (tante cose di ingrossano con l'etá tranne il picio, che peró rimane stabile nelle dimensioni) Un boxer nero si acquista dovunque e non é problematico, ma sopra? Insomma c'abbiamo una certa e non posso mandarlo in giro piú nudo che vestito, che poi gli viene la febbre e a 37° C si sente sul punto di morire come tutti i maschi e mi manda a chiamare il notaio per fare testamento. 
Tra tutto quello che ho visto in un paio di siti, il meno peggio sono le magliette in powermesh trasparenti e quelle in rete. 
Insomma o gli metto una zanzariera, o lo insacco come una coppa. 

domenica 7 agosto 2022

Domenica Pomeriggio...

 .... esterno giorno dopo un magnifico ed intenso sabato sera di sesso in un club.

Lady: cosa ne dici se andiamo di sopra, mi fai un massaggio e mi trombi?

Sir: No. troppa fatica.

domenica 31 luglio 2022

Ecco come il mio Re desidera rendermi felice

Sir è stato via una settimana: tra poco più di due ore vado a prenderlo in aeroporto. Mentre era via mi ha mandato una chat traboccante di desiderio eros e amore. La chat di per sè è illeggibile: Sir ha tantissimi doni e qualità (i difetti li racconterò un altra volta) ma non ha il dono della scrittura. Ho rielaborato i suoi pensieri rendendoli un appassionato racconto di amore e devozione.

 Sì sono una donna felice e fortunata. 

Mi ci infilerei volentieri sotto le coperte con te, sfiorando le tue gambe, le tue ginocchia i tuoi 
polpacci per poi risalire fino alle cosce, ignorandone la parte interna.
Non voglio fare altro che accarezzarti e sfiorare. Un sospiro sull'interno coscia, per tornare a dedicarmi al ginocchio e all'esterno coscia parti di te che adoro. Una mano su un gluteo, mentre con l'altra ti tengo ferma l'altra gamba. 
Voglio baciarti sulla pancia, cercando di non farti il solletico, e poi più su verso i seni con le mani sul costato verso le ascelle.
Vorrei leccarti tutta.
Le mie mani sulle tue spalle, le mie labbra sul tuo collo. E’ come se mi arrampicassi su di te:  il cazzo incontra il tuo perineo, strusciandosi dolcemente: è lì che ci vuoi fare? Ancora un po’ ed incontra le tue grandi labbra e il tuo clitoride mentre ti bacio: delicato ma voglioso di te. Ti giro a pancia in giù e ti mordicchio il collo da dietro. Metto una mano tra i tuoi capelli: delicato ma fermo, ti giro la testa per baciarti. Tengo la mano tra i tuoi capelli per accarezzarti la schiena con l’altra: ora delicato, ora forte; ora sfiorando, ora graffiando leggermente. Ti giro su un fianco per essere  faccia a faccia e per poterti baciare ora con più passione, mentre le nostre gambe si intrecciano, mentre le mani accarezzano ovunque mentre senti la mia voglia di te ovunque. Scendo a baciare i tuoi seni allontanando dalle tue mani il mio cazzo a malavoglia. Ti bacio, ti lecco, ti succhio senza fare torti a nessun capezzolo: chi non è succhiato è accarezzato. Svanisco sotto la coperta: ti lecco sul fianco  apposta per farti il solletico e, non te l’ho mai detto, ma mi piace. Ti sbaciucchio quell'angolo di pelle tra addome e coscia. Le tue gambe delicatamente si scostano permettendo ai miei baci di spostarsi verso l'interno della coscia sinistra mentre con la mano te l’accarezzo sul retro andando verso il gluteo. Sono vicino così vicino alla tua figa che senti il mio respiro sfiorarla. La mano destra si fa più audace e accarezza l’incavo tra i glutei. Ti giro a pancia in su. Mi sposto lentamente tra le tue gambe aperte così come la tua figa, ma la ignoro dirigendomi verso il ginocchio, mentre le mani sono sui tuoi fianchi e te li strizzano lievemente. Ho una voglia matta di prenderti,  ma mi serve ancora del tempo per farti ammattire e bagnare. I baci scendono mentre le mani passano sulla coscia e ti sfiorano l'ano.  Mi soffermo con i baci tra coscia e ginocchio per dare tempo alle mani di sfiorarti il culo e farsi sentire un pochino. Apri leggermente le chiappe assecondando il mio desiderio. Le mie mani non stanno ferme e qualche dito si fa più diretto: con una mano scosto un po’ un gluteo e con l'altra vado a sfiorare il tuo buco, girandoci intorno, facendo una leggera pressione, ma solo per poco:  torno alle tue gambe, le mie mani sulle tue cosce, sui tuoi stinchi, ma non vado oltre le caviglie perchè so che i piedi non ti piacciono molto come gioco. Risalgo e respirando tra le tue cosce avvicino la bocca alla figa, senza sfiorarla. Le dita tornano al tuo culo. Apri un po’ di più le gambe: un dito preme leggermente sul culo, mentre senti il mio respiro sulle grandi labbra. La tua mano è sulla mia testa per invitarmi ad andare oltre con la figa, ma resisto un po’ per darti poco dopo una leccata larga lenta e pressante dal perineo al clitotoride. Poi una seconda. Ed una terza. La lingua ora si sofferma sul clitoride, lentamente secondo una routine collaudata facendola poi un po’ più intensa. Mentre ti lecco l'indice si spinge delicatamente al tuo interno. Ti lecco e ti penetro. Intanto l'anulare  incomincia a giocare con il tuo buco del culo. Inarchi il bacino per mostrarmelo meglio. Premo la lingua più forte sul clitoride perchè ho voglia di sentirti gemere ed è ora di farti venire, ma con calma.
Le dita e la lingua hanno il loro da fare, ma voglio anch’io un po 'di soddisfazione: abbandono la posizione tra le tue gambe per mettermi di fianco a te e presentarti il mio cazzo voglioso delle tue attenzioni. Non manchi di dargliene, succhiandomi con passione mentre le mie dita viaggiano veloci sopra dentro e fuori di te. Mi bastano pochi colpi della tua bocca: vorrei che continuasse, ma desidero interrompermi per tornare a dedicarmi a te. La mia mano si occupa interamente di te: Anulare e mignolo si occupano del tuo culo, medio ed indice si occupano della tua figa bagnata ed il pollice sostituisce la lingua. Ti lecco, ti mordicchio, premo senza darmi tregua sperando di riuscire a farti urlare. Premo più forte perchè voglio sentirti. E voglio continuare con la lingua e con le dita mentre urli, voglio  sentire le tue contrazioni, voglio leccarti e premere finché non ti rilassi. E solo allora rallentare e leccare delicatamente (molto delicatamente) i tuoi umori per poi abbracciarti e baciarti ed iniziare così a scoparti.